Schermata 2020-09-18 alle 12.22.57

Matteo Bagnoli sulla cantieristica: Canale Navicelli di Pisa

“Un’area con 21 cantieri, circa 2500 addetti ed un fatturato di 250 milioni di euro. L’area del Canale Navicelli a Pisa rappresenta un’eccellenza toscana, italiana e internazionale della diportistica e come tale merita di essere trattata e accompagnata nel suo percorso di sviluppo occupazionale e crescita. “In un contesto internazionale e nazionale molto dinamico si inquadra la specializzazione produttiva dell’area pisana nell’ambito della nautica: la cantieristica ed in particolare la produzione di imbarcazioni di lusso.”

“Un settore che negli anni ha conosciuto una forte espansione e specializzazione con la valorizzazione di un indotto che da solo offre opportunità di lavoro ad oltre mille persone. Tuttavia, oggi queste aziende, si scontrano con una burocrazia ecces”siva e con l’Ente parco a gestione regionale che pone vincoli e ostacola lo sviluppo e di questo settore, anche e soprattutto in una fase come quella attuale e la creazione di futuri posti di lavoro. Bene ha fatto il Comune di Pisa a siglare il protocollo d’intesa con le categorie per lo sviluppo del settore nautico anche in chiave turistica. La Regione Toscana invece dovrà dire da che parte sta: se da quella dei no ad oltranza o se dalla parte degli imprenditori e della capacità di un comparto che ha dimostrato di essere attrattivo per portare ricchezza e posti di lavoro sul territorio”.

 

Pontedera 18 settembre 2020

sicurezza

Matteo Bagnoli interviene a proposito della linea ferroviaria soppressa Cecina-Saline di Volterra

Intervento di Matteo Bagnoli candidato in Consiglio regionale per Fratelli d’Italia sulla linea ferroviaria soppressa Cecina-Saline di Volterra: “Regione Toscana e Trenitalia facciano chiarezza”.

La Regione Toscana si è vantata, in questi anni, proprio di non aver chiuso nessuna tratta ferroviaria locale. Al momento invece, l’unica che non riaprirà ed è stata soppressa, è proprio la Cecina – Saline di Volterra chiusa proprio dal giorno della riapertura delle scuole”. A sottolinearlo Matteo Bagnoli candidato alle prossime elezioni del 20 e 21 settembre per Fratelli d’Italia. “Non è bastato l’impegno quotidiano degli enti negli anni per risolvere le criticità, non basterà l’aver fatto restaurare e ristrutturare per ben due volte la Stazione a Saline di Volterra, creando anche le condizioni base per l’intervento da oltre sette milioni sulla linea, effettuato appena pochi anni fa da RFI – spiega Bagnoli – Trenitalia ha legato il destino del servizio su ferro al numero dei passeggeri, dicendo che in qualche modo, da loro dipenderà la decisione finale sul futuro della tratta e questo non è accettabile. Le ferrovie minori, laddove sono in grado di garantire un servizio per le comunità locali, devono essere mantenute e non devono sottostare alla logica dei grandi numeri che sono contrari allo sviluppo e al presidio delle comunità locali e più marginali”.

Pontedera, 15 settembre 2020

matteo bagnoli

Matteo Bagnoli sugli asili infanzia: bonus bebè e abbattimento delle rette

Matteo Bagnoli, candidato in Consiglio regionale per Fratelli d’Italia, interviene sul tema dei diritti delle famiglie.

“Bonus bebè e abbattimento delle rette dei nidi pubblici e privati: la regione garantisca diritti alle famiglie toscane. Un provvedimento urgente, anche e soprattutto in questa fase di ripartenza, con cui non solo aiuteremo le famiglie ma garantiremo anche l’occupazione femminile. Le donne e le famiglie più in generale, infatti, troppo spesso sono messe di fronte a un bivio tra lavorare o dedicarsi ai figli e questo, nel 2020, non è accettabile. La Regione Toscana deve intervenire per abbattere i costi degli asili nido pubblici e privati portando il costo delle rette al pari della scuola d’infanzia e garantendo un posto per ogni bambino”. A sottolinearlo Matteo Bagnoli candidato in Consiglio regionale alle prossime elezioni del 20 e 21 settembre per Fratelli d’Italia. “Un provvedimento urgente, anche e soprattutto in questa fase di ripartenza, con cui non solo aiuteremo le famiglie ma garantiremo anche l’occupazione femminile. Le donne e le famiglie più in generale, infatti, troppo spesso sono messe di fronte a un bivio tra lavorare o dedicarsi ai figli e questo, nel 2020, non è accettabile. Inoltre una regione veramente vicina a famiglia e bambini deve garantire il diritto al nido. Un diritto che in abbinamento Bonus bebè potrà aiutare l’aumento delle natalità e la crescita dei bambini che già da piccoli possono trarre beneficio dalla interazione e socializzazione con i loro coetanei”.

Pontedera, 12 settembre 2020

 

PHOTO-2020-09-09-11-11-49

Strappati i manifesti elettorali di Benedetta Cicala: “Non mi faccio intimorire”

A Santa Croce sull’Arno il grave episodio ai danni della candidata di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale, Benedetta Cicala che esordisce così:

«Senza paura proseguo la mia campagna di ascolto e confronto con i cittadini sui temi che stanno a cuore ai pisani»

“Ecco come la sinistra intende il confronto democratico alla vigilia delle elezioni: strappando i manifesti degli avversari. Io non mi farò intimorire”. Così Benedetta Cicala, candidata in Consiglio regionale per Fratelli d’Italia alle prossime elezioni che è stata vittima di atti di vandalismo a Santa Croce sull’Arno. Alcuni dei suoi manifesti, affissi negli spazi elettorali assegnati ai candidati, la notte scorsa sono stati strappati. “Il mio comitato elettorale – aggiunge Cicala – ha già provveduto ad attaccarne di nuovi. Io proseguo senza paura la mia campagna elettorale di ascolto e confronto con i cittadini sui temi che più stanno a cuore ai Pisani”. Solidarietà è stata espressa da Matteo Bagnoli candidato in Consiglio regionale con cui Benedetta Cicala sta proseguendo la campagna di ascolto e confronto in provincia di Pisa. “Si tratta di un episodio gravissimo – conclude Bagnoli – che mina i principi fondamentali della nostra Costituzione del civile confronto democratico tra candidati. Fratelli d’Italia ha sempre fatto del rispetto politico e dell’avversario un valore fondante. Chi non crede in questi valori non merita di governare la Toscana e i toscani.”

Santa Croce sull’Arno, 09 settembre 2020

IMG_5744

Matteo Bagnoli sulla Fi-Pi-Li: basta interventi tampone, serve un progetto strutturale

Matteo Bagnoli, candidato in Consiglio regionale per Fratelli d’Italia, interviene sulla Fi-Pi-Li.

FI-PI-LI, BASTA INTERVENTI TAMPONE. SERVE PROGETTO STRUTTURALE IN PIANO OPERE PUBBLICHE PER MESSA IN SICUREZZA E VIABILITA’.

Con rammarico siamo costretti a registrare che da 25 anni su questa arteria vengono effettuati solo interventi tampone e mai strutturali. Interventi che creano, peraltro, disagi ai cittadini e a chi deve percorrerla per lavoro ogni giorno. Purtroppo la Fi-Pi-Li oggi è una trappola mortale.

“La Fi-Pi-Li è un’arteria strategica e fondamentale per il sistema infrastrutturale toscano. Riveste un’importanza pari al completamento della Tirrenica e per questo deve essere una priorità nell’agenda regionale”. Così Matteo Bagnoli candidato in Consiglio regionale per Fratelli d’Italia alle elezioni del 20 e 21 settembre. “Al contrario, siamo molto preoccupati quando sentiamo dire dalla sinistra e dal candidato alla presidenza del centrosinistra Eugenio Giani che è arrivato il momento di adeguarla, addirittura con la terza corsia. Con rammarico siamo costretti a registrare che da 25 anni su questa arteria vengono effettuati solo interventi tampone e mai strutturali. Interventi che creano, peraltro, disagi ai cittadini e a chi deve percorrerla per lavoro ogni giorno. Purtroppo la Fi-Pi-Li oggi è una trappola mortale. Ciò che serve, invece, sono interventi risolutivi come quelli da prevedere in corrispondenza di alcuni svincoli strategici come quello di Pisa Nord Est che va allargato e potenziato per reggere tutto il traffico veicolare che ci si riversa nelle ore più congestionate della giornata. Inoltre è indispensabile pensare di dotarla di una corsia di emergenza, oltre che metterla per intero in sicurezza”. “E’ impensabile che nel 2020 non ci sia un collegamento infrastrutturale moderno e in sicurezza tra Firenze e Pisa. Entro il primo mese di consiliatura porteremo all’attenzione dell’assemblea un atto che impegni la Giunta a inserire nel piano delle opere pubbliche interventi strutturali per la Fi-Pi-Li. Una strada che dovrà rimanere gratuita per i cittadini che già pagano le tasse e che, anche per questo, dovrebbero avere infrastrutture all’altezza dei loro bisogni e necessità.”

Pontedera, 7 settembre 2020

WhatsApp Image 2020-09-02 at 14.38.25

Matteo Bagnoli sulla discarica della Grillaia

Matteo Bagnoli, candidato al Consiglio regionale per Fratelli d’Italia, interviene sulla discarica della Grillaia.

“Dove sono adesso i consiglieri regionali del centro sinistra che in questi mesi si sono fatti belli manifestando al fianco dei cittadini? Hanno già messo la testa sotto la sabbia e faranno finta di niente? È stata una delle più grandi discariche di rifiuti speciali della Toscana ma è ferma dal 1998. Solo che in questi 22 anni l’impianto non è mai stato messo in sicurezza e manca un atto di chiusura definitiva. Sulla discarica della Grillaia che è nel Comune di Chianni, in provincia di Pisa, adesso c’è una delibera della Giunta regionale della Toscana dello scorso 25 maggio che ha dato parere favorevole al progetto presentato da Nuova Servizi Ambiente – il gestore dell’impianto – per conferire 270 mila metri cubi di rifiuti, in gran parte eternit, equivalenti a circa 351 mila tonnellate. Per l’ennesima volta coloro che governano la Regione se ne fregano del territorio e preferiscono favorire il folle progetto della Nuova Servizi Ambiente Srl a discapito della salute dei cittadini. È inaccettabile che la Regione Toscana pensi a riempire i conti in banca dei gestori della discarica della Grillaia invece di mettere al primo posto la salute degli abitanti della Valdera. Voler riaprire una delle più grandi discariche regionali di rifiuti speciali, dove negli anni sono stati smaltiti oltre 1.500.000 di tonnellate di scarti industriali di ogni genere, e autorizzare lo smaltimento di altre 270 mila metri cubi di eternit è una scelta scellerata. Pochi giorni fa abbiamo appreso dalla stampa che le ruspe sono già al lavoro per realizzare le vasche per l’amianto nella discarica. Si tratta di un atto di arroganza di fronte al quale occorre che la Regione Toscana prenda una posizione netta. Non è possibile, infatti, che la mozione di Fratelli d’Italia votata all’unanimità dal Consiglio regionale e che impegnava la regione a rivedere l’autorizzazione al progetto, venga disattesa in modo così evidente. Dove sono adesso i consiglieri regionali del centro sinistra che in questi mesi si sono fatti belli manifestando al fianco dei cittadini? Hanno già messo la testa sotto la sabbia e faranno finta di niente? Noi torniamo a gran voce a chiedere un intervento urgente e indifferibile. Meno discariche in Valdera e una maggiore valorizzazione delle risorse ambientali, paesaggistiche e turistiche. La Regione riveda l’autorizzazione al progetto e convochi il gestore e i comuni interessati per fissare le modalità per una corretta gestione del post mortem della discarica per la chiusura definitiva del sito.”

Pontedera, 02 settembre 2020