Candidato al Consiglio Regionale della Toscana-2

Matteo Bagnoli candidato alle Elezioni Regionali 2020

In viaggio per ascoltare i cittadini in oltre 250 borghi tra la Valdera e la Valdicecina.

MATTEO BAGNOLI, CANDIDATO IN CONSIGLIO REGIONALE PER FRATELLI D’ITALIA ci dice: “Bisogna rimettere al centro delle politiche regionali le comunità locali.”

“Troppe le criticità irrisolte in questi anni: dell’ospedale di Volterra ai problemi infrastrutturali della sr 68, dalla Bientinese all’alta velocità tra Firenze e Pisa; dalla valorizzazione degli imprenditori dell’industria della Valdera, agli artigiani della Valdicecina e della Valdera”.

“La provincia di Pisa attende da troppo tempo risposte dal governo regionale sulle molte criticità che sta vivendo: dal depotenziamento dell’ospedale di Volterra ai problemi infrastrutturali della sr 68, dalla Bientinese all’alta velocità tra Firenze e Pisa; dalla valorizzazione degli imprenditori dell’industria della Valdera, agli artigiani della Valdicecina e della Valdera che chiedono nuovo slancio, fino alle eccellenze del distretto conciario e alla tutela dell’industria farmaceutica pisana. Un territorio che chiede a gran voce un’attenzione maggiore alla tutela del suo ambiente con meno discariche e una valorizzazione dello sviluppo turistico e delle sue ricchezze agroalimentari. E ancora l’aeroporto di Pisa e il litorale. La Toscana, dopo anni di guida monocolore, ha bisogno di nuova linfa, di nuove idee e di nuove prospettive. Ecco perché ho deciso di accettare la candidatura a Consigliere regionale per Fratelli d’Italia e di questo ringrazio Giorgia Meloni e i coordinatori provinciali e regionali del mio partito”.

“La Toscana ha bisogno di persone che hanno voglia di mettersi in gioco e che, soprattutto, tornino ad interpretare i bisogni delle loro comunità di riferimento ormai mortificate nel ruolo originario di sentinelle per il governo del territorio, tutto incentrato quasi ed esclusivamente su Firenze che vive, ciecamente e in modo ostile, il suo rapporto con Pisa. Una provincia bellissima con tre diocesi e molte comunità, da Sasso Pisano a Vecchiano da Marina di Vecchiano a San Miniato, che hanno bisogno di sentirsi davvero rappresentate a Firenze. In questi giorni, nel mio viaggio tra i borghi della Valdera e della Valdicecina ho incontrato e ascoltato tantissimi cittadini che mi chiedono di preservare la Toscana dai molti errori commessi in questi anni, di tornare a proteggerla e di renderla migliore. La nostra Toscana, con Susanna Ceccardi, avrà la possibilità di tornare a mettere al centro delle proprie politiche i cittadini, rispettandoli e dandogli nuove opportunità”.

Pontedera, 11 agosto 2020

Comments are closed.